News, Scuola & Tempo

E del Casale delle Arti che ci dite? Per noi autistici quindi non esiste diritto di cittadinanza?

Tommy non parla ma intuisco i suoi pensieri, questa mattina sono stato assieme a lui a dare un’occhiata nel parco cittadino abbandonato dove da anni vorremmo realizzare un modello di vita dignitosa e integrata  per persone neurodiverse come lui. (Qui l’ultima volta che ne abbiamo parlato a aprile) Ci hanno finora dato solo parole. Ora però tutto tace e tutti si sono defilati, quindi questo manda a dire Tommy. Anzi manderebbe a dire se la sua testa fosse dotata di cervello nella norma, capace di indignarsi e incazzarsi, per sua fortuna invece la sua attenzione durante la passeggiata era  felicemente orientata ad ascoltare quel che accadeva nelle fronde più alte degli alberi, difficile fargli capire perché eravamo in quel posto,  lui non  possiede il concetto che quegli alberi, bene pubblico, possano cadere uno a uno chiusi da un cancello, solo perché la politica non ha interesse che persone come lui possano occuparsene. 


Qualcuno sa dirci qualcosa del Casale delle Arti? Io non ho più sentito nessuno dei tanti che ho coinvolto in questi ultimi due anni. L’ultima riunione istituzionale c’è stata  a luglio, ma per dire nulla…

Che devo mai pensare…Non c’è stata e temo non ci sarà la volontà politica di realizzare un progetto inclusivo che avrebbe rappresentato un modello per tutto il Paese. Per la prima volta si erano (idealmente…) seduti allo stesso tavolo i vertici delle amministrazioni sia del Comune di Roma che della Regione Lazio, del MIUR, di una prestigiosa università di fama internazionale.

Eravamo riusciti a far convergere  ognuna di queste parti su un progetto concreto e realizzabile di inclusione per cittadini italiani neurodiversi. Bastava solo aprire i cancelli di un casale bellissimo, quanto abbandonato, in mezzo a un parco, bellissimo quanto abbandonato, in un quartiere centrale di Roma.

Siamo stati a un pelo dall’iniziare più di una volta, siamo arrivati a ipotizzare una data di inaugurazione. Siamo passati attraverso tutte le possibili controversie burocratiche, sembrava tutto pronto per cominciare…Abbiamo anche dato tempo, siamo stati tranquilli e docili, non ce la siamo presa con nessuno, non ci siamo lasciati strumentalizzare dalla politica, non abbiamo cercato alleanze con i “poteri forti”, anche perchè chi volete che possa aver interesse a spalleggiare un pugno di autistici giuggioloni e i loro genitori esausti…Avranno pensato che avremmo mollato per consunzione…Invece siamo ancora qui e non ci arrendiamo.

Abbiamo avuto contatti diretti con la Sindaca di Roma, Il Governatore della Regione Lazio, Il Ministro dell’Istruzione, Il Rettore di Tor Vergata. Erano tutti d’accordo a fare questo esperimento, tutti d’accordo a iniziare…Come mai ancora non è accaduto nulla?

Cercheremo di farcelo spiegare, cercheremo di svicolare dalle scuse che la colpa è sempre di qualche altra istituzione. Cercheremo almeno di farci dire “no, non si può fare, levatevi dalla testa che per dei ragazzi dai cervelli ribelli si possa impegnare un bene pubblico così bello e prestigioso!”. Almeno avrà avuto un senso tutta la battaglia che abbiamo fatto, gli articoli che abbiamo scritto e fatto scrivere, le campagne stampa, la solidarietà di tanti amici importanti sui social. Ci mettiamo la parola fine con buona pace dei nostri bravi amministratori.

Intanto come già avevamo segnalato da qualche mese il Casale delle Arti è diventato ostello per qualche derelitto che sicuramente sta peggio di noi. Nel giardino questa mattina c’erano persone che circolavano, panni stesi, bivacchi. Abbiamo trovato varchi nella recinzione, gli armadi delle utenze scassinati, una finestra al piano terra era aperta, un magazzino aveva il portone spalancato. Che devo dirvi, almeno qualcuno anche se abusivamente se lo gode.

Ora è chiaro che tutti faranno finta di non avere letto, di non aver visto…I problemi del Paese sono altri e ben più importanti, che vorranno mai questi autistici?

Si rassegnino a finire imbottiti di sedativi in qualche bel lager dove finalmente avranno la loro utilità sociale, quantificabile nella retta che lo Stato pagherà a chi per mestiere si occupa della raccolta differenziata di noi Cervelli Ribelli.

Tranquilli, comunque vada non ci avrete vivi!


LA NOSTRA VISITA AL CASALE ABBANDONATO

.


 

Condividi questo articolo

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati

Commenti Facebook