Autismi & Autistici, Io figlio di mio figlio

Marina Viola legge: “Io, figlio di mio figlio”


Con Marina Viola continua la pubblicazione delle recensioni a “Io, figlio di mio figlio” che ci vengono inviate. Qualcuno dirà che finora si è mostrato solo pareri positivi e nessuna critica. Abbiamo invitato chiunque a mandarci un suo parere, anche negativo, purchè sia argomentato e si dimostri di aver letto il libro. 


Ho letto il libro di Gianluca Nicoletti. Tutto d’un fiato, anche se alcuni passaggi sono molto filosofici e intensi e varrebbe la pena ritornarci. Tantissimi sono gli aspetti del racconto che mi hanno profondamente colpito, ma quello che spunta già dal titolo è il suo coraggio.

So che a lui non piace questa parola, che tutti facciamo quello dobbiamo fare senza menare troppo il torrone, ma lui ha osato fare un passo in più rispetto a noi genitori di figli autistici. Lui si è messo in gara. Ha messo la sua testa dentro al tubo claustrofobico della macchina per la risonanza magnetica. Ha fatto test, ha ascoltato, ha parlato e ha cercato di capire. E ha ottenuto una diagnosi importante, complessa, rivoluzionaria a volte. È anche lui nello spettro. È anche lui come Tommy, come Luca, come tutti quei ragazzotti che ci seguono in ogni luogo.

Certo, c’è autismo e autismo: Tommy e Luca sono a basso funzionamento, mentre Nicoletti ha un quoziente intellettivo un po’ più basso di Einstein (ma neanche molto). Certo, Tommy e Luca hanno grosse difficoltà a comunicare, mentre la carriera di Nicoletti è fondata sulla comunicazione. Ad occhi nudo le differenze sono abissali.

Eppure.

Eppure c’è una parte del suo cervello che ragiona come loro e che analizza la realtà allo stesso modo, quasi un po’ in modo estremamente pratico, schematico, matematico, logico ai massimi livelli. So che farà arrabbiare un po’ di gente, ma mi è venuto in mente Caesar, il messicano che sa parlare ai cani e che pur essendo umano li capisce perfettamente e li sa in questo modo aiutare. Ecco, Nicoletti è in qualche modo diventato un trait d’union tra l’autismo di Tommy e di Luca e noi, perché adesso è scientificamente provato che lui riesce a capirli meglio e magari a spiegarci alcune cose. Non capisco davvero le critiche che alcuni genitori hanno fatto a questa decisione di farsi diagnosticare. Non è un atto provocatorio, non vuol dire che lo dobbiamo fare tutti, ma vuol dire che lui mette in pratica quello che noi predichiamo da sempre, e cioè che l’autismo è semplicemente parte della vita, che, in modo brillantemente azzardato, Nicoletti pensa addirittura tra poco sarà molto più simile alla mente autistica, con meno socializzazioni vis a vis e più interesse alla comunicazione attraverso i social network.

Una diagnosi del genere ha portato Nicoletti a rivedere la sua vita e a cercare delle risposte indossando la sua nuova lente di persona Asperger: il suo rapporto con la famiglia, con il lavoro, ma soprattutto con se stesso, adesso che la sua visione è così radicalmente cambiata. Quando venni assalita da tutte le diagnosi che vennero date a mio figlio, mio marito Dan ripeteva come un mantra questa frase: Luca è Luca, che significa che anche senza nessuna diagnosi lui sarebbe comunque così, e che quindi tutti questi nomi scientifici, autismo, sindrome di Down, tono muscolare basso, erano soltanto modi per descriverlo sulle cartelle mediche. Per cui Nicoletti è Nicoletti, nulla di fatto è cambiato. Eppure è cambiato tutto. Sarà in un certo senso difficile cadere nella tentazione di dire: “Faccio così per ché sono autistico”, e usare la diagnosi come scudo. Ma sarà altrettanto difficile tornare a pensare a se stesso come a una persona brillante, un po’ matta ma perfettamente nei canoni di quella cosa strana che cambiamo normalità.

È uno di quei libri da tenere sul comodino e da aprire di tanto in tanto, per sentire la voce di Nicoletti, rassicurante e a volte allarmante, ma sempre estremamente illuminante. Come ha cambiato la sua visione di sé e del mondo attorno a lui, ha cambiato profondamente anche me, perché mi ha fatto capire che l’autismo, oltre ad essere una condizione difficile da gestire, soprattutto per noi genitori, ha anche dei lati strepitosi e necessari per migliorare questo mondo balordo, intrisi come sono di genialità e di poesia.

Marina Viola

marinaliena

Leggi Pensieri e Parole, il mio blog:
http://pensierieparola.blogspot.com
Marina Viola porta il quaranta di scarpe. Vive a Boston e ci fa il diario di quella che pensiamo essere l’ altra parte della luna. Che significa per noi autistici vivere negli Stati Uniti? Potete farle anche domande….

Condividi questo articolo

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati

Commenti Facebook