Autismi & Autistici

Il 2 aprile 2018 sarà Pasquetta…Si parlerà più di agnelli che di autistici


Il prossimo 2 aprile cadrà di Pasquetta. Come faranno i nostri alti rappresentanti delle istituzioni ad accendere i monumenti di blu all’imbrunire del giorno di Pasqua? Ancora mancano 170 giorni, ma qualcuno del protocollo comincerà prima o poi a porsi il problema, il 2 aprile, giornata internazionale della consapevolezza dell’autismo, nel 2018 cadrà fatalmente il lunedì dell’Angelo, giorno già impegnato dalla tradizione  per gite fuori porta, scampagnate, merende all’aperto. E’ un segno fatale da interpretare perchè le tradizionali ritualità a cui eravamo abituati per la giornata degli autistici dovranno necessariamente essere ripensate.

Chi si occuperà di accendere le luci azzurrine davanti su Montecitorio il giorno di Pasqua quando tutti saranno appena rincasati da S. Pietro dal dopo messa con il Papa  e  con ancora le costolette d’agnello da digerire? E a proposito di agnelli: i giorni precedenti pensiamo forse che l’emotività mediatica non sarà già saturata dalle tante dichiarazioni di personaggi noti, tutte lecite per amor di dio, per convincere gli italiani ad aderire alla causa degli ovini. Pensate che di fronte alla strage degli agnelli qualcuno potrà mai in quei giorni prestare attenzione ai problemi degli autistici fantasma, delle terapie efficaci, dell’inclusione scolastica e lavorativa?

Diciamocelo da ora questo due aprile sarebbe meglio far finta di niente e andarsene a spasso con i figli autistici senza immaginare manifestazioni, iniziative, palloncini azzurri, maratone e adunate in piazza per richiamare l’attenzione dei media sulle tematiche dell’autismo. Già poco avevano senso prima, ora veramente  sarebbe folle tentare di sovrapporsi alla ferrea liturgia dei media in tempo pasquale. La maggior parte dei grandi conduttori faranno festa, la tv in quei giorni viaggia a marcie ridotte e non esce dalla scaletta consueta fatta di vie crucis, papa Francesco,  lavaggio dei piedi dei poveri, Assisi, Terra Santa, cosa mangiano gli italiani, dove vanno gli italiani ecc. Chi volete che pensi a un servizietto sugli autistici, anche se ne mettete in piazza di prodigiosi che suonano cantano, ballano e fan di conto?

Il 2 aprile 2018 sarà, almeno in Italia, la grande occasione per noi autistici di pensare a una giornata che somigli di meno alla solita sagra del santo patrono, chissà se riusciremo a inventarci qualcosa?

Condividi questo articolo

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati

Commenti Facebook