Scuola & Tempo

In Puglia apre il primo centro territoriale autistici bambini, adolescenti e adulti

foto-inaugurazione-4

Una bella notizia arriva dalla Puglia anzi dalla Capitanata. Proprio stamattina nel plesso “Lastaria” di Lucera è stato inaugurato il Centro Territoriale per l’Autismo della Capitanata intitolato ad Alberto Lepore, neuropsichiatra della ASL Foggia prematuramente scomparso.

Alla inaugurazione del CAT che nasce in ottemperanza al regolamento regionale con cui vengono definiti, in via sperimentale, i requisiti della “Rete assistenziale territoriale sanitaria e sociosanitaria per i disturbi dello spettro autistico” hanno partecipato il direttore generale della Asl Foggia, Vito Piazzolla, il direttore del dipartimento di Salute mentale Antonello Bellomo e la responsabile della unità operativa di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza Albacenzina Borelli.

“Abbiamo fatto uno sforzo notevole – ha commentato Piazzolla – in un momento di generale contrazione delle risorse. Ma era un nostro dovere. Questo non è solo un obbligo amministrativo e burocratico. È la risposta ad un preciso bisogno che noi intendiamo soddisfare al meglio”.

foto-inaugurazione-5

GLI ADULTI NON SARANNO TAGLIATI FUORI

Il centro si avvale della professionalità di una équipe dedicata all’età evolutiva, e una all’autismo dell’adulto. Nella fase iniziale è stato previsto, per il suo funzionamento, l’impiego di due neuropsichiatri infantili, uno psichiatra, due psicologi, un assistente sociale, un terapista della neuro motricità, un logopedista, un educatore professionale e due infermieri.
“L’Asl – ha spiegato Bellomo – sta avendo grandi difficoltà a completare l’organico. In Puglia, infatti, c’è solo una scuola di specializzazione in Neuropsichiatria Infantile, per cui è molto difficile reperire specialisti in questa disciplina. Abbiamo deciso, tuttavia, che questo non doveva fermarci e abbiamo avviato le attività”.
Per espressa volontà della direzione generale, il CAT, nato per fare diagnosi e cura, amplierà, intanto, il servizio assicurando anche attività formativa. Si occuperà, infatti, di preparare professionisti specializzati al trattamento e alla presa in carico dei pazienti, non solo in età evolutiva, ma anche adulta. Campo, quest’ultimo, in cui la formazione è ancora carente. Per il personale coinvolto sono previsti idonei percorsi formativi attraverso corsi tecnico-pratici mirati.  Al centro si accede attraverso segnalazione dei centri di salute mentale e degli ambulatori del Servizio di Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’Adolescenza, con impegnativa del medico curante autorizzata presso il CUP. Dopo la presa in carico (attraverso la stesura di un progetto terapeutico-riabilitativo), le prestazioni sono gratuite e gli appuntamenti vengono fissati direttamente dagli operatori senza alcuna ulteriore necessità di prenotare presso i CUP.

PROGETTI SOCIO-RIABILITATIVI E AIUTO ALLE FAMIGLIE

Particolare attenzione sarà riservata alla continuità delle cure nel passaggio dall’età evolutiva all’età adulta, garantendo all’utenza una presa in carico nei servizi per gli adulti e il raccordo con le strutture riabilitative ubicate sul territorio. Come da regolamento, si farà valutazione multi-professionale e psicodiagnostica, elaborazione del progetto abilitativo-riabilitativo, supporto educativo e psicologico alla coppia genitoriale, elaborazione del progetto socio-riabilitativo per l’età adulta, attivazione di consulenze specialistiche.
“Tutti gli inizi sono difficili – ha confermato Borelli – ma c’è, da parte nostra, la ferma volontà di implementare l’attività con l’aiuto di tutti”. Il Centro si propone, infatti, il compito di dar vita ad una forma di assistenza diffusa sul territorio per una presa in carico integrata, attraverso la collaborazione in rete con le associazioni degli utenti e dei familiari.
Il dipartimento di Salute Mentale si occuperà anche di fare un censimento delle realtà associative presenti sul territorio e, insieme al CAT, farà da raccordo inserendo, nel progetto terapeutico, proprio le attività che risulteranno consolidate.

foto-inaugurazione

Insomma dovrebbe diventare un faro nella notte per le tante famiglie pugliesi con figli autistici piccoli e grandi che non sanno cosa fare, non hanno futuro e magari perdono tempo con soluzioni e rimedi costosi e soprattutto inutili. Nel film “Tommy e gli altri”  questo tipo di realtà è emerso in tutta la sua gravità. Per questo esultiamo per la nascita del CAT di Lucera e ci auguriamo che presto possa lavorare a pieno regime e in totale  serenità.

Condividi questo articolo

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati

Commenti Facebook