Il film di noi autistici, News

Per noi autistici questo 2 aprile il servizio pubblico è su Sky

foto di Fabrizio Intonti www.fabriziointonti.com

Foto di Fabrizio Intonti. Per ogni uso contattare info@fabriziointonti.com


Sono fermamente convinto che, se mai ci fosse un attestato di “servizio pubblico televisivo”, per la giornata internazionale della consapevolezza sull’autismo 2017 questo riconoscimento dovrebbe andare a Sky.

Certo che sono grato a Sky per quello che ha fatto per “Tommy e gli altri”. Il film sarà visibile su SkyArte e SkyCinemaCult , vi sembra poco? Eravamo stati profetici quando dicevamo che i nostri autistici erano “opere d’arte”.

Il MANIFESTO DELLA DISORDINAZIONE ARTISTICA DEI TEPPAUTISTICI

Saremo trasmessi da quelli che sono i canali tv più prestigiosi, quelli più ambiti da chi vorrebbe presentare un prodotto cinematografico che reputa d’avanguardia. Si chiederanno in molti perchè  gli uomini di Sky abbiano scelto proprio il film di noi autistici, siate fieri genitori, a loro giudizio le storie dei nostri autistici fantasma sono a pieno diritto “un’opera d’ arte” e il loro film è degno di essere  visto dal pubblico più esigente.

Vorrei condividessero la mia gioiosa soddisfazione tutti quelli che in questo film hanno creduto e hanno quindi contribuito concretamente alla sua realizzazione.

Per primi gli studenti della Luiss, che lo scorso Natale hanno fatto una grande colletta che ci ha permesso di cominciare…

Come pure sono stragrato a i 453 che hanno partecipato al crowdfunding che ci ha permesso di terminare l’ opera.

Vi rendete conto che abbiamo fatto un film unicamente con le nostre forze? Un film che e non ha attinto a quei bei contributi pubblici che non si rifiutano nemmeno a un documentario sulla vita delle lumache. Abbiamo preferito sentirci liberi da ogni vincolo e piuttosto chiedere una mano a chi aveva il nostro problema. La mano ci è stata tesa con una bella manciata di dobloni, per lo meno quelli che servivano.

Tutto questo lavoro sarebbe però stato inutile se il film poi fosse rimasto nel nostro cassetto, per vederlo tra amici e parenti, ma come è noto a tutti Sky ha in questi giorni messo in atto una campagna di comunicazione, che è stata a dire poco imponente, per segnalare che trasmetterà in prima visione su tre dei suoi canali “una grande storia tutta italiana” che ha per tema l’autismo.

Ben quattro quotidiani nazionali (Stampa, Repubblica, Corriere della Sera, Il Messaggero) avevano alla vigilia della messa in onda avevano al loro interno un’intera pagina pubblicitaria dedicata all’evento. Qualcuno di voi ha mai visto un investimento del genere in uno dei precedenti 2 aprile? Io a mia memoria non lo ricordo davvero…

Per non parlare dell’enorme numero di giornali e siti web che oggi hanno rilanciato l’evento. C’è stato da parte di Sky un lavoro di ufficio stampa che veramente non avevo visto così veloce e intenso. D’altronde vi rendete conto che un film sull’autismo è stato presentato in anteprima alla seconda carica dello Stato. Il Presidente del Senato Pietro Grasso lo ha visto assieme a una rappresentanza di genitori e ragazzi autistici, ci ha anche twittato che gli era piaciuto.

Che lo ha visto e gli è piaciuto ce lo ha fatto sapere anche il Presidente Mattarella Leggi comunicazione del Quirinale. Anche La Ministra Valeria Fedeli ci ha twittato e ci ha scritto che lo farà girare nelle scuole. Leggi comunicazione del Miur .

Un film sui ragazzi autistici ripeto, un film su noi autistici di cui già parlano tutti. Prendetevi la briga di fare una ricerca su Google di “Tommy e gli altri” resterete stupiti…

 Da dove è cominciato tutto?

Dal due aprile 2015, rividi Massimiliano Sbrolla con cui avevo lavorato  trent’ anni prima in una tv di preti. Massimiliano, che aveva fondato nel frattempo la sua casa di produzione Zoofactory, mi regalò un video che aveva girato durante quell’epica manifestazione in cui sancii il principio “I nostri figli sono opere d’ arte”. Da quello nacque l’ idea di fare un film sull’autismo.

Dopo due anni, nemmeno un mese fa Massimiliano mi telefona per dirmi…Tieniti forte ci ha chiamato il Direttore Roberto Pisoni e ci chiesto il film per SkyArte…Ti prego accettiamo…Non dirmi di no.”

E potevo dire di no? Soprattutto con il 2 aprile alle porte e dopo aver sudato assieme per un anno  su quel film, che io avevo in testa dal primo libro che ho scritto su Tommy, ma che Massimiliano ha saputo con immenso tocco poetico trasformare in un racconto per immagini, con la banda che aveva messo assieme, sottraendo ai loro ben remunerati impegni artisti del calibro di Beatrice Quadri, Paolo Aralla e Nicola Gualandris . Gente che lavora ai massimi livelli e con committenti di tutto il mondo, ma che hanno all’inizio accettato di lavorare “sulla fiducia” che avrei trovato i soldi per pagarli, anzi mi dissero  dopo un giorno che giravamo assieme a Tommy che  loro il film l’avrebbero fatto anche gratis…

Tommy ora  dorme come nulla fosse, per lui tutto questo equivale all’emozione di fare un po’ il derviscio sulla mia poltrona girevole. Questa sera in molti vedranno la storia del suo viaggio in Italia, vedranno i suoi amici fantasma finalmente visibili, capiranno che ci siamo tanto divertiti anche se raccontavamo la nostra epica tragedia.

Qualcuno storcerà persino la bocca e penserà…”Ma era proprio necessario? Certe cose è meglio che restino in famiglia!” Nò signori custodi dell’autismo indicibile…Vi avremo dimostrato che l’autismo si può raccontare anche senza il tedio del filmino tristanzuolo fatto in casa con mezzi di fortuna, anche senza la pudicizia che nasconde la paura, anche senza l’ ostentazione dei geni che stupiscono, o dei casi umani che commuovono, anche senza inforcare gli occhiali con lo sguardo caritatevole, anche senza mettersi il gilè con le ali attaccate dietro e il cappello con sopra l’aureola che ci fa sentire tutti santi, bravi e buoni almeno una volta all’anno.

Oggi  nelle vostre case grazie a Sky arrivano “Tommy e gli altri”. Chi cercherà il senso del 2 aprile in altre tv può anche sommergerci con i suoi mugugni da tastiera, bersagliarci con i  palloncini blu, i cuori di mamma, i prigionieri delle bolle e le lucine cadono dal cielo. Attenti però non siamo per niente buoni noi,  siamo teppautistici della peggiore specie. E’ passato da un pezzo il tempo delle favole che fanno dormire tutti tranquilli. Guardateci come siamo, noi vogliamo vivere e vogliamo farlo alla grande!!!



TUTTO SULLA MESSA IN ONDA

Il film Tommy e gli altri da vedere su SKY l’ 1 e il 2 aprile

Il film “Tommy e gli altri” va in tv e potranno vederlo tutti!!!

Tommy e gli altri, l’anteprima al Senato

A chi non tollera il mio orgoglio per un figlio con lo sguardo stralunato

 

WWW.TOMMYEGLIALTRI.COM

 

ACHILLE TESTIMONIAL DI “TOMMT E GLI ALTRI”

Condividi questo articolo

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati

Commenti Facebook