Fanta-autismo, News

Sindaca Raggi è per gli Ercolini sempre in piedi che Casale delle Arti non è roba per autistici?

raggiercolemarra


Gentile Sindaca Raggi

torno a rivolgermi a lei ancora a nome dei nostri ragazzi autistici e ancora per la storia del “Casale delle Arti”. Siccome come nel passato non si degnerà di darci riscontro, mi invento un’intervista impossibile e fingo che sia lei a risponderci.

Provo a immaginare quindi che lei Lei lecitamente potrebbe dirmi:

“Ma ti rendi conto delle gatte da pelare che oggi mi trovo per le mani, e vieni a scocciarmi ancora con quella storiella del Casale delle Arti e dei tuoi ragazzi autistici? Ti rendi conto in che situazione mi trovo? Hanno messo in galera Raffaele Marra, il mio uomo di fiducia, quello per cui più mi ero spesa e ora mi trovo tutti contro…Che c’entra adesso questa storia del Casale?”

Un po’ c’entra Sindaca, o per lo meno ho letto poco fa un lancio dell’ ANSA che mi ha fatto un po’ riflettere su tanto mistero e tanta reticenza a darci una risposta che in fondo non le sarebbe costata nulla:

Mons. D’Ercole, prego per Marra. E’ persona seria, lo presentai io all’allora ministro Alemanno

(ANSA) – ASCOLI PICENO, 16 DIC – ”Leggo sui media una notizia che mi colpisce: arrestato a Roma Raffaele Marra, che ho conosciuto diversi anni fa e ho presentato al ministro allora dell’Agricoltura Alemanno per la sua professionalità e serietà”. Lo scrive su Fb il vescovo di Ascoli Piceno mons. Giovanni D’Ercole. ”Faccio fatica a credere e sono certo che avrà modo la giustizia di fare il suo corso”. Il presule aggiunge: ”prego per lui”.

Lei potrebbe a questo punto indignarsi… “Quale è il problema? Cosa vorresti alludere? Che male c’è se un Vescovo come Monsignor D’Ercole prega per una persona a lui cara come Marra?”

Assolutamente nessun problema cara Sindaca Raggi, anzi a me fa piacere che esistano preti che ancora parlino di pregare per qualcuno. Io stesso mi reputo garantista e per me Marra sarà colpevole quando un Tribunale lo giudicherà tale, non prima. Però questa dichiarazione mi ha ricordato che esiste un antico rapporto di stima e solidarietà tra le due persone. Marra intervistato da Marco Travaglio ( che lo difende guardi bene) dice che chiese a Giovanni D’Ercole di raccomandarlo per entrare nei Servizi Segreti al tempo che era finanziere. Poi D’ Ercole,  come scrivono tutti i giornali tra cui l’ Espresso, lo presentò all’allora Ministro dell’Agricoltura Gianni Alemanno e da quel momento iniziò la sua carriera di ex finanziere. Nessun problema, nessuna insinuazione, solo che mi sono ricordato che i due sono amici e solidali. Fine.

Non posso fare a meno di ricordare che come lei ben sa la storia del famoso  Casale Gomenizza iniziò quando  il Sindaco Alemanno lo fece restaurare per regalarlo  alla fondazione Raphael Onlus di monsignor Giovanni D’Ercole, affinchè fosse usato per la formazione e l’educazione dei giovani che versavano in difficili condizioni socio-familiari e che lì avrebbero potuto praticare attività sportive, ludiche e culturali.

Dopo anni il Comune se lo riprese perchè gli assegnatari di quel posto, di cui era proprietario il Comune di Roma, non facevano nessuna attività sociale, era sempre sigillato e probabilmente lo avevano scambiato per una delle tante loro belle foresterie. (La storia qui)

Non me lo invento io cara Sindaca Raggi, in sintesi brutale Monsignor Giovanni d’ Ercole aveva avuto in concessione il Casale Gomenizza da Alemanno (per cui lavorava già l’ amico Marra) per farci cose bellissime e lodevoli, ma non ce le fece mai e per questo dopo  una vicenda piuttosto controversa terminata con una sentenza del Tar furono sfrattate le persone che in quel posto avrebbero dovuto realizzare “IL VILLAGGIO DEGLI ERCOLINI” ( da Giovanni d’ Ercole) e un anno fa il Comune se lo riprese.

tar_lazio_sez-_ii_sentenza_4_maggio_2015 

Ancora lei mi replicherà illustre sindaca Raggi: “Ma cosa c’entra adesso il Villaggio degli Ercolini, con Marra e con la storia del nostro Casale?”

Bè un pochino si cara signora, se permette noi famiglie di autistici ci chiedevamo in primis perchè lei su una vicenda così innocua e così lineare non ci avesse mai risposto. Che le costava? Ci avrebbe fatto anche bella figura a mettere la sua faccia in un’ iniziativa unica, con alle spalle un Ministero, con un progetto di alternanza scuola lavoro finalmente realistico ed entusiasmante. Invece zitta, muta…

Ancora di più ci sorprendeva il fatto che nessuno avesse mai risposto in aula a un’ interrogazione specifica sul Casale fatta dalla Consigliera dell’Assemblea Capitolina Valeria Baglio  che qui le allego

interrogazione-baglio-2-2.

Insomma il documento è stato protocollato il 3 novembre, un mese e mezzo fa, perché non rispondere come si fa di prassi? Magari spiegando perchè non fosse possibile iniziare quel progetto in quel posto. Ci saremmo messi il cuore in pace e non l’avremmo più disturbata.

 

INTERROGAZIONE URGENTE A RISPOSTA SCRITTA

del   3 novembre 2016                 

La sottoscritta Consigliera dell’Assemblea capitolina di Roma Capitale, Valeria Baglio

PREMESSO

Che In diverse lettere tra il Municipio I, Roma Capitale e la Sindaca Virginia Raggi scritte dal 30 marzo 2016 – una missiva diretta all’allora Commissario Straordinario Tronca con prot. N. 52326 – al 20 luglio 2016 – una lettera alla Sindaca prot. N.120983 – e infine al 22 settembre 2016 – lettera alla Sindaca con prot. N. 152683 – gli assessori competenti e la Presidente del I Municipio pongono l’attenzione sul Casale Gomenizza, una struttura del Comune, nel verde e completamente restaurata ma inutilizzata, che si trova nel centralissimo quartiere Prati, proprio dietro alla Rai di via Teulada. Per quel Casale è stato presentato un progetto pilota, denominato “Il Casale delle Arti”, del quale è capofila il MIUR con il patrocinio del I Municipio, per un centro urbano aperto alla cittadinanza e l’inclusione di ragazzi neurodiversi ed è stata ufficializzata la richiesta di affidamento della struttura al MIUR;

che la Direzione del Dipartimento Patrimonio aveva segnalato alla Gestione Commissariale che per il Casale in oggetto era stata avanzata una richiesta anche dall’Ente Strumentale della Regione Lazio Roma Natura, e aveva chiesto indicazioni più specifiche sull’assegnazione.

INTERROGA

l’Assessore con delega al patrimonio e la onorevole Sindaca di Roma Capitale sullo stato di avanzamento del procedimento relativo al Casale Gomenizza.

A tal proposito chiede di sapere:

  • Se è stata ricevuta dalle vostre Segreterie la proposta di progetto del MIUR.
  • Se il casale Gomenizza risulta attualmente libero e non utilizzato.
  • Se sullo stesso edificio risulta una richiesta anche di altri Enti e/o Istituzioni.
  • Se si è proceduto a valutare la richiesta di affidare la struttura al richiedente MIUR.
  • Se sono intercorsi incontri con MIUR o con il Municipio sul progetto de “Il Casale delle Arti”.
  • Quali iniziative intende intraprendere l’Amministrazione di Roma Capitale, e in quali tempi, per promuovere il progetto suddetto, che prevede l’inclusione di ragazzi neurodiversi, tra le altre anche per attività di giardinaggio, iniziative utili ai ragazzi stessi quanto alla collettività.

La Consigliera dell’Assemblea Capitolina

           Valeria Baglio


Non ci fraintenda, se il problema era quello della  mancata dependance del  VILLAGGIO DEGLI ERCOLINI, (è una supposizione guardi bene…) per cui non si voleva dare un dispiacere al Vescovo D’ Ercole amico di Marra (qualcuno lo ha chiamato sindaco ombra) … Guardi a noi sarebbe stato  bene anche chiamarci Ercolini, purchè in quella meraviglia di posto si fosse fatto qualcosa di buono per i nostri ragazzi e per tutti i cittadini che ci vivono intorno, non avevamo pregiudizi di nessun tipo…Poteva dircelo…Avremmo capito, siamo gente di mondo.

Già ma ormai che glielo diciamo a fare? Ritenteremo al prossimo giro. In bocca al lupo!

  I PRECEDENTI

Condividi questo articolo

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati

Commenti Facebook