Autismi & Autistici, News

La poesia di una sibling,"al di là degli anelli di Chariklo":

001-Fratelli
R. scrive un pensiero per suo fratello M. Lo fa con una poesia, anche se non ha rime. Ma è poesia. Si presenta così, R.

“Mi chiamo R.M. e ho 22 anni, sono sorella di Lucrezia e Matteo, autistico. Studio Scienze e Tecniche Psicologiche all’Università di Genova. Nel corso degli anni ho sempre riflettuto sul fatto che si tende sempre a dare voce ai genitori di ragazzi autistici e quasi per nulla si considerano i loro fratelli o sorelle. La vita con i nostri fratelli è una continua palestra quotidiana dove, non con gli occhi di un genitore con la paura del “dopo di me” ma con quelli di qualcuno “alla pari”, possiamo contribuire con le nostre esperienze al tentativo di ricostruire quella vaga idea che crediamo loro abbiano del mondo e di se stessi.”

R. è una voce preziosa, la voce dei siblings: una voce che difficilmente si fa sentire, forse perché quasi mai – ha ragione R. – vengono interpellati. Si pensa ai padri e alle madri, ai loro problemi, le decisioni da prendere, le preoccupazioni e le aspettative. Ma lì vicino ci sono loro, i siblings, non solo spettatori ma partecipi fino in fondo di questa complicata vicenda, che li coinvolge completamente, per tutta la vita. E li coinvolgerà anche “dopo”, quando i genitori non ci saranno più. Allora R. prende la parola e parla al fratello. O meglio, prende la penna e gli scrive.

In questa specie di poesia che doveva essere un articolo, paragono io normotipica al pianeta Terra e mio fratello all’asteroide (Chariklo), un corpo celeste simile alla Terra, che ha degli anelli che gravitano attorno ad esso, che io identifico come la sua dimensione da atipico che lo avvolge e che lo separano dalla realtà.

E’ un modo per esprimersi e per entrare in contatto con M., ma è anche una presa di posizione, una risposta a quella “chiamata alle armi” lanciata dal suo amico Filippo Nicoletti, fratello di Tommy, ormai diverso tempo fa. Infatti scrive R.:

Con questo invito altri “fratelli”, questa “categoria umana” come li chiama Nicoletti, a scrivere i loro pensieri.

Ed ecco la poesia:

chariklo

Al di là degli anelli di Chariklo

Tu sei un imperscrutabile asteroide,
simile al pianeta che sono io
perché anche a te appartengono gli occhi per guardare,
la gambe per cambiare direzione
e quei capelli biondi.
Ma qual è la tua realtà che ti circonda?
Di cos’è fatto quel muro invisibile di anelli
che gravitano attorno a te
e che non mi permettono di attraversarli per sondarti?
Al di là di quegli anelli,
che sono ciò che ti circonda e sono la tua realtà,
ci sei tu.
Intrepida tento di trovare un linguaggio per comunicare,
attirare la tua attenzione,
insegnarti un gioco,
mi domando se quel muro
dove tu mi arrivi ma io non entro
piano piano si può abbassare…
Ma ecco che mi hai concesso troppe attenzioni
e di nuovo sbalzo fuori dai tuoi anelli.
E quindi non posso far altro che mettermi accanto a te,
cercare il tuo sguardo,
e ricominciare a chiedermelo.

Condividi questo articolo

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati

Commenti Facebook