Autismi & Autistici, News

Embla senzatetto Asperger a spasso per Roma

ragaza-combo-kogi-u432501648540594ye-593x443corriere-web-sezioni

 

Ai tempi di “Chi l’ha visto” e dei tanti  format tv “acchiappascomparsi” che ormai dilagano a tutte le latitudini trovare una ragazza problematica, con la sindrome di Asperger, svanita nel nulla e inutilmente cercata dai suoi cari non è più come un ago nel pagliaio.

E successo che la signora Lorena Kollobani di nazionalità americana, temporaneamente in Italia, mandasse la foto di una ragazza senzatetto che da qualche mese gira nel centro storico di Roma sul sito facebook di MPofA (Missing persons of America) perché si attivasse immediatamente la macchina mediatica necessaria per scoprire la vera identità della giovane e i suoi parenti che la stavano cercando. Lorena aveva scritto delle indicazioni precise: “Non so se è americana. La vedo sempre girare nelle strade di Roma. Dorme all’aperto e ha problemi mentali. Dall’aspetto non sembra una persona che è sempre vissuta così perché non accetta denaro ed è molto attenta a mangiare in maniera corretta. Se qualcuno la riconosce lo scriva”. La foto è rimbalzata sul Mail, Daily Mirror e The Sun. E’ stata inviata all’Interpol e ne ha parlato anche Federica Sciarelli del nostrano Chi l’ha visto. Si sono fatte varie ipotesi ma alla fine la verità è venuta a galla.

Ed ecco apparire Tahvo Jauhojärvi: “È difficile quando il tuo bambino scompare, ma è doloroso vedere la foto della propria figlia sul Daily Mail e scoprire che è una senzatetto a Roma” ha scritto sulla sua pagina Facebook  un uomo svedese che ha riconosciuto nella misteriosa ragazza sua figlia Embla. “Mia figlia soffre della sindrome Asperger” ha aggiunto. “Non avevo sue notizie da tempo ho chiesto aiuto alla polizia svedese ma nessuno mi ha dato retta”.

In un primo momento si era pensato che Embla fosse addirittura Maddie  McCann, la bambina inglese misteriosamente scomparsa nel 2007 durante vacanze con la famiglia in Portogallo. L’ipotesi era stata smentita dalla polizia metropolitana di Londra perché Embla ha vent’anni e invece Maddie  oggi di anni ne avrebbe 13.

La ragazza, ha raccontato il padre, era venuta in Italia a maggio con l’intenzione di studiare l’italiano. Ma ben presto si erano perse le sue tracce. Che cosa sia successo nessuno lo sa.

La bionda Embla è diventata clochard. Aveva scelto il centro storico di Roma. Si spostava tra il Pantheon, via del Corso, Campo Marzio e Piazza del Popolo e dormiva sotto una pensilina. Girovagava vestita sempre alla stessa maniera con una sciarpa rossa e un impermeabile bucato. Accettava, ringraziando, cibo dai ristoratori della zona. A ottobre è stata fermata dai carabinieri: non aveva documenti, diceva di chiamarsi Leonetta Anna, di essere inglese, di Londra. Si erano limitati a prenderle le impronte digitali senza trattenerla. Del resto essendo maggiorenne può scegliere di vivere come vuole anche per la strada. Senza commettere reati, ovviamente. Ed è difficile che un Asperger commetta reati.

 

Di un’altra persona definita “autistica” invece a Roma si è persa traccia da giugno 2015. La storia di Daniele Potenzoni resta ancora sospesa, può una persona neurodiversa scomparire in pochi minuti alla Stazione Termini e di lui non trovare più alcuna traccia?

Daniele Potenzoni è a Roma? Si cercano indizi a partire da una foto scattata su un tram

 

 

Condividi questo articolo

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati

Commenti Facebook