Autismi & Autistici

Dopo di noi, la legge c'è ma i soldi non si vedono

dopo di noiIl Dopo di noi è legge, ma quando sarà realtà? Torna all’attacco Anffas, che vigila sulla realizzazione degli obiettivi, ma sopratutto dei diritti,che dovrebbero tutelare il presente e il futuro delle persone con disabilità cognitiva.  L’associazione oggi ha diffuso una nota, per riaccendere l’attenzione su questo tema e ricordare che non basta una legge a risolvere il problema. Sono già passati quasi 4 mesi  dall’entrata in vigore della cosiddetta Legge sul “Dopo di Noi”, ovvero la Legge 112/2016 contenente “Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare”.

Era infatti il 24 giugno quando la legge la legge fu pubblicata in gazzetta ufficiale

Ha dato la speranza, a centinaia di migliaia di persone con disabilità e loro familiari, potenziali destinatari delle risorse finanziate dal fondo stanziato dalla stessa, di poter vedere attuate, finalmente, risposte concrete alle necessità di de-istituzionalizzazione, vita indipendente ed all’abitare in autonomia, cioè del cosiddetto “durante e dopo di noi”.

leggeDella legge abbiamo parlato diverse volte esaminandola nel dettaglio, non stiamo qui a ripetere le nocività che contiene, ritenute da alcuni ancora inadeguate e insufficienti per dare una risposta efficace alle famiglie angosciate dal problema del domani. Potete leggere questo articolo, in cui proprio Anffas faceva pelo e contropelo alla legge. Ma anche questo e questo. Tra le misure principali previste dalla nuova legge, c’è l’attivazione di un Fondo Nazionale, con cui finanziare misure volte alla de-istituzionalizzazione di persone con disabilità grave, progetti innovativi che consentano alle medesime il vivere in soluzioni abitative che riproducano le condizioni familiari, anche in co-housing, o di rimanere con i giusti supporti presso la propria originaria abitazione insieme ad altre persone, anche prima del venir meno del sostegno familiare. E poi ci sono le agevolazioni fiscali per chi voglia sottoscrivere polizze assicurative per garantire delle risorse economiche con cui co-finanziare il “dopo di noi” di congiunti con disabilità ed agevolazioni sia fiscali che tributarie per chi voglia contribuire al percorso di costruzione di un progetto per il “durante-dopo di noi” attraverso trust, vincoli di destinazione patrimoniali e fondi speciali.

Ma tutto questo non basta!

Secondo Anffas la legge, per produrre effetti concreti ma necessita dell’emanazione dei previsti decreti attuativi, così individuati e dettagliati dall’associazione:

1) Decreto Ministro dell’economia e delle finanze di concerto con il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali per individuare le esatte modalità con cui far operare le agevolazioni fiscali e tributarie (che doveva già essere stato emanato entro il 24 agosto 2016)

2) Decreto del ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il ministro dell’economia e delle finanze e del ministro della salute e previa intesa con la Conferenza Unificata, per l’individuazione dei destinatari delle misure finanziabili e del riparto tra le regioni del fondo nazionale (da emanarsi entro il prossimo mese di dicembre);

3) Decreto del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, previa intesa con la conferenza unificata, per l’individuazione degli obiettivi di servizio (da emanarsi entro il prossimo mese di dicembre).

La Presidenza del Consiglio dei Ministri deve, inoltre, predisporre una adeguata campagna per informare i potenziali destinatari e sensibilizzare l’opinione pubblica.

“Non si perda tempo!”

E’ questo oggi l’appello del presidente di Anffas Roberto Speziale

foto-spezialeLa legge dichiara di rispondere ad una situazione emergenziale, che Anffas conferma, e pertanto non si giustificherebbe alcun ritardo nella sua concreta attuazione. Oltre ai ritardi già accumulati, non abbiamo notizie sull’uscita dei previsti Decreti, né conosciamo gli esiti dell’incontro tra gli assessori alle politiche sociali delle Regioni ed il ministero del Lavoro e delle politiche sociali annunciato a latere della Conferenza Nazionale sulle Politiche per la Disabilità tenutasi a Firenze nello scorso mese di settembre. Auspichiamo inoltre che i Decreti attuativi non snaturino le finalità che la legge stessa intende perseguire con particolare attenzione ai previsti interventi di de-istituzionalizzazione. Anche in tal senso abbiamo avviato delle interlocuzioni, anche tramite la Federazione Fish cui Anffas aderisce, con il ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, rinnovando la nostra totale disponibilità al confronto ed alla collaborazione, nel primario interesse delle persone con disabilità e delle loro famiglie che attendono ormai da troppo tempo risposte concrete e non oltre derogabili”.

Condividi questo articolo

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati

Commenti Facebook