Il film di noi autistici, News

La nostra troupe è diventata esperta in autistici per #tommyeglialtrifilm

tommyconbea

I valorosi della troupe di #tommyeglialtrifilm ci mandano un ringraziamento che giriamo a tutti i nostri “produttori”.  Sono quattro ragazzi (tre e una ragazza per essere precisi) che nella loro vita non avevano mai avuto a che fare con autistici. Tranne Beatrice che da insegnante di educazione fisica ha avuto come allieva una bambina “nello spettro”. In ogni caso in questi ultimi mesi se ne sono fatta una vera scorpacciata. Li ho trascinati per almeno due settimane molto intense in giro per l’ Italia con Tommy h24 da gestire sia durante il viaggio in furgone, sia a pranzo, a cena, in albergo, durante le riprese.

Come se non bastasse hanno incontrato almeno una trentina di famiglie con autistici di ogni genere, che per loro saranno sembrati una collezione di Pokèmon. Oggi posso dire con certezza che lascerei mio figlio tranquillamente con ognuno di loro, sicuro senza esitazioni che avrebbe il miglio trattamento possibile, starebbe assieme a persone che conoscono i suoi problemi, le sue esigenze, che lo sanno trattare.

Paolo è attentissimo a tavola che non si ingozzi, che non si attacchi alla bottiglia dell’acqua, che stia allegro. Massimiliano  ha imparato a capire con un colpo d’ occhio se si entra nell’aura di un comportamento problema, sa tutto dei farmaci da prendere mattina e sera. Beatrice e Nicola sono specializzati nel distrarlo, nel farlo ridere, soprattutto Bea è speciale per farlo rilassare. Insomma nessuno di loro ha fatto studi specifici, nessuno di loro aveva mai visto un autistico “tosto” in vita propria, nessuno di loro ha studiato psicologia o scienze dell’educazione, eppure ora sanno perfettamente quali siano i problemi delle famiglie che gestiscono autistici, sanno delle infinite insidie che si nascondono le terapie miracolose, dalle diete alle chelazioni alla comunicazione facilitata, della mamma frigorifero. Sanno tutti che a un autistico vanno insegnati comportamenti, va insegnata autonomia, va saputo prendere per quello che è e non per quello che vorremmo noi…Lo sanno perché hanno osservato, lo sanno perché ci hanno messo passione.

Sono ragazzi che girano di continuo  il mondo con una telecamera in mano, passano dagli sport estremi alle guerre, dai deserti alle cime delle montagne, dalle foreste ai fiumi, al mar, alle savane. Lavorano per editori importanti come National Geographic, ma non hanno mai fatto gli insegnanti di sostegno, gli educatori, i medici di base, i neuropsichiatri, gli psicologi. eppure hanno capito al volo che roba siano i nostri autistici.

Mi domando perchè per tutti quelli che dovrebbero occuparsene seriamente sia così difficile fare lo stesso?

Quante volte ci siamo sentiti dire: “venite a prendere vostro figlio che è irrequieto”, oppure “l’ insegnante non sa gestirlo”, oppure “ci sarebbe un medico non convenzionale che ha una terapia fantastica”. Quanti ignoranti, presuntuosi, sciatti, cialtroni, svogliati, inetti abbiamo incontrato lungo la nostra strada? Eppure non sembra impossibile, non voglio dire che i nostri operatori siano un esempio rispetto a tanti seri professionisti del settore, ma almeno sono la prova che uno sforzo può essere fatto da chiunque, soprattutto se pagato per fare esattamente questo.

Tutte le informazioni e la storia del film la trovate nella nostra pagina #tommyeglialtrifilm


 

GRAZIE DALLA TROUPE DI #TOMMYEGLIALTRIFILM

LA SQUADRA DI #tommyeglialtrifilm; Massimiliano-Sbrolla DIRECTOR; Beatrice-Quadri BACKSTAGER; Paolo-Aralla STUNTMAN; Nicola-Gualandris SOUND ENGINEERMax è il collega di almeno 30 anni fa, quando sia io che lui eravamo agli inizi e ci si arrabattava in una tv pretesca dietro al Gianicolo. Ora è l’inventore di “Zoofactory” e dirige il film. Con lui possiamo contare anche del supporto della fida Carlotta perfetta producer. Bea è una valente fotografa e operatrice. Nella vita è personal trainer e si occupa anche di ragazzi come Tommy. Infatti lui l’ha subito puntata. Paolo è un film maker di sport estremi, anche stuntman e abituato a situazioni “difficili”, è stato indispensabile nei turni di controllo perché Tommy non si ingozzasse a tavola. Nik è il fonico, nella vita compositore e musicista. Gli altri dicono che Nik sia sordo o, altre volte, che sia stato strappato a un sordido destino.Da qui come sempre per contribuire al nostro film: https://withyouwedo.telecomitalia.com/projects/2956/tommyeglialtrifilm

Pubblicato da Tommy e gli altri su Domenica 24 luglio 2016

Massimiliano Sbrolla, Paolo Aralla, Beatrice Quadri e Nicola Gualandris sono i valorosi professionisti con cui stiamo girando e che al momento sono sparpagliati per i quattro capi del mondo. D’altronde sono richiestissimi, abbiamo preteso quanto di meglio offrisse il mercato nazionale. Ci riuniremo i primi di agosto e ripartiremo a lavorare assieme a Tommy al nostro film. Ci teniamo che la qualità delle riprese sia al massimo dello standard oggi possibile e il lavoro da fare è ancora molto.

LA SQUADRA DI #tommyeglialtrifilm

(Clicca sulle foto per ingrandirle)

MASSIMILIANO SBROLLA BEATRICE QUADRI PAOLO ARALLA NICOLA GUALANDRIS
Massimiliano-Sbrolla Beatroice-Quadri Paolo-Aralla Nicola-Gualandris
 DIRECTOR
     BACKSTAGER
STUNTMAN
 SOUND ENGINEER

Max è il collega di almeno 30 anni fa, quando sia io che lui eravamo agli inizi e ci si arrabattava in una tv pretesca dietro al Gianicolo. Ora è l’inventore di “Zoofactory” e dirige il film. Con lui possiamo contare anche del supporto della fida Carlotta perfetta producer. Bea è una valente fotografa e operatrice. Nella vita è personal trainer e si occupa anche di ragazzi come Tommy. Infatti lui l’ha subito puntata. Paolo è un film maker di sport estremi, anche stuntman e abituato a situazioni “difficili”,  è stato indispensabile nei turni di controllo perché Tommy non si ingozzasse a tavola. Nik è il fonico, nella vita compositore e musicista. Gli altri dicono che Nik sia sordo o, altre volte, che sia stato strappato a un sordido destino.


 

Come abbiamo già scritto, grazie alla straordinaria generosità dei nostri amici, ci siamo posti un nuovo obbiettivo, raccogliere altri 25.000 euro. Sono quelli che ci permetteranno, senza dover cercare altrove, di terminare con tranquillità anche la fase di montaggio ed editing del film. Oltre che aggiungere qualche storia in più di quelle già girate. Senza trascurare che 25.000 euro è la cifra che ci permetterebbe di raggiungere il 160% del crowdfunding, quindi battere anche il record di performance di questa piattaforma WYWD, che che finora è del 154%. Vi ricordo che grazie a voi abbiamo già battuto già due record WYWD: abbiamo bruciato il tempo di raccolta (15 giorni)  abbiamo stravinto per il numero di contributi (già oltre 300). (leggi nota TIM)

VAI ALLA PAGINA DEL CROWDFUNDING

crowdfunding

Condividi questo articolo

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati

Commenti Facebook