News, Terapie & Ricerca

A Roma 6-7 dicembre il secondo congresso AIRA

locandina AIRA (4)-1 (1)Sono iniziati i lavori di preparazione e organizzazione del  II° congresso dell’Associazione Italiana Ricerca Autismo (AIRA) che si svolgerà il prossimo 6-7 Dicembre presso l’Aula Magna “Mario Arcelli” dell’Università LUISS Guido Carli di Roma.

Anche quest’anno saranno presentati contributi scientifici che riguardano la ricerca di base, con un simposio sui modelli animali e uno sull’interazione tra geni e ambiente, e la ricerca clinica, con simposi dedicati alla diagnosi precoce, alle forme di autismo secondario a malattie metaboliche, ai trattamenti “evidence based”. L’ultimo simposio del congresso sarà dedicato all’autismo nell’età adulta.

E’ prevista la partecipazione come “Invited Speaker” di scienziati di fama internazionale e membri del comitato scientifico di AIRA: il Prof. Tony Charman, docente in “Clinical Child Psychology” del King’s College di Londra e il Prof. Giorgio Vallortigara del Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive dell’Università di Trento.

Scarica il Pdf con la locandina AIRA

Iscrizione

L’iscrizione e’ obbligatoria fino ad esaurimento posti e può essere effettuata compilando ed inviando via email il modulo di iscrizione unitamente all’attestazione di pagamento.
La quota di iscrizione è di 50 euro.
E’ prevista una quota agevolata di 35 euro se l’iscrizione perviene entro il  30 Luglio 2016.
Tale versamento è valido come quota associativa, in qualità di “socio sostenitore AIRA” per l’anno 2016-2017.
Il pagamento deve essere effettuato tramite bonifico bancario intestato ad: associazione italiana ricerca autismo- banca prossima
IBAN  IT80Q0335901600100000134223
Specificare nella causale: congresso AIRA Roma 6-7 Dicembre 2016
Per finalizzare l’iscrizione inviare copia del bonifico effettuato e il modulo di iscrizione  alla e-mailconvegno.aira@gmail.com. Questo passaggio è necessario affinché l’iscrizione risulti completata e per ottenere l’attestato di partecipazione.
La Segreteria comunicherà attraverso il sito il raggiungimento della capienza massima dei posti.
Per ogni informazione attinente alla manifestazione, si prega di contattare la Segreteria Tecnica all’indirizzo mail: convegno.aira@gmail.com

Al termine della manifestazione, sarà rilasciato un attestato di partecipazione
a chi ne farà richiesta tramite mail.

Grande spazio sarà dedicato, come per l’ edizione precedente, ai giovani ricercatori. E’ infatti prevista la seconda edizione del “Lia Vassena Young Investigator Award” che premierà la miglior ricerca presentata da un giovane under 40. I tre giovani ricercatori, selezionati dalla Commissione Scientifica, esporranno i propri lavori in uno spazio a loro dedicato il 7 Dicembre.

L’assegnazione del premio  “Lia Vassena’ Young Investigators Award” è destinata al contributo più meritevole, tra i tre selezionati dalla Commissione Scientifica, che esporranno i propri lavori in uno spazio dedicato nella sessione del 7 Dicembre.

La deadline per l’invio degli Abstract è il 20 Novembre 2016.

  1. Il numero massimo di caratteri (spazi inclusi) per il testo è di 2300 caratteri (esclusi titolo, autori e affiliazioni).
  2. Non è possibile inserire immagini, tabelle o figure.
  3. Devono essere citate tre parole chiave.
  4. Per l’invio utilizzare esclusivamente il form on-line disponibile sul sito di AIRA.
  5. L’estensione accettata dal form è .pdf
  6. Abstract inviati con modalità diversa da quella predisposta NON saranno presi in considerazione.
  7. Il primo autore deve essere iscritto al Congresso.
  8. Il Comitato Scientifico di AIRA valuterà gli abstract e ne comunicherà l’esito entro il 30 novembre 2016.

Qui il form da compilare per la submission


Storia del Premio “Lia Vassena’ Young Investigators Award”

Aira assegnerà per il secondo anno un premio destinato ai ricercatori Under 40: il “Lia Vassena’ Young Investigators Award”, una borsa di studio e la possibilità di esporre oralmente al convegno il contributo scientifico più meritevole e innovativo tra gli abstract presentati alla commissione scientifica. La borsa è intitolata alla memoria della ricercatrice Lia Vassena, biotecnologa, prematuramente scomparsa.

lia3 La scienziata italiana che si è formata presso i laboratori del San Raffaele di Milano ha lavorato diversi anni presso il National Institute of Health di Bethesda negli USA proseguendo la sua attività di ricerca dal 2012 presso l’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma.

I suoi studi sono stati focalizzati sulla comprensione del ruolo dell’interleuchina 7 (IL-7) come fattore protettivo nei confronti delle cellule immunitarie bersaglio del virus HIV. Dal punto di vista sociale si è caratterizzata per una fervida attività di supporto nei confronti di persone affette da disturbo dello spettro autistico.


Il vincitore dell’edizione 2015 del  “Lia Vassena’ Young Investigators Award”

La commPaoloMeucciissione scientifica di AIRA ha attribuito il Premio del valore di 5.000 euro al dott. Paolo Meucci, dell’Istituto Neurologico Carlo Besta di Milano per Progetto Roddi – New Robotic Platform for Rehabilitation of Children with Pervasive Developmental Disorders and Cognitive Impairments. (leggi articolo)

 

    Per ogni informazione attinente alla manifestazione, si prega di contattare la Segreteria Tecnica

WWW.AIRAUTISMO.IT

congressoairaARTICOLI SUL PRIMO CONGRESSO AIRA 3/4 DICEMBRE 2015

Logo_Aira

L’ Associazione Italiana Ricerca Autismo nasce per supportare la ricerca scientifica “evidence based” sui Disturbi dello Spettro Autistico e si propone tra gli obbiettivi principali quello di:

  1. promuovere una cultura della ricerca dell’autismo in italia
  2. promuovere campagne di raccolta fondi
  3. donare a ricercatori che ne fanno richiesta fondi annuali per progetti ritenuti meritevoli dal comitato scientifico.

Secondo principi di merito e trasparenza la mission di AIRA è quella di donare a ricercatori che ne faranno richiesta fondi annuali per progetti valutati e ritenuti meritevoli dal comitato scientifico. La ricerca scientifica promossa e supportata da AIRA servirà non solo ad ottenere importanti informazioni sull’eziologia dei disturbi dello spettro autistico ma anche a definire protocolli di diagnosi e trattamento sempre aggiornati e alla messa a punto di terapie efficaci. AIRA sostiene tutti i campi della ricerca nell’ambito dei disturbi dello spettro autistico: dalla ricerca biomedica a quella genetica, da quella focalizzata a nuove terapie comportamentali, alla ricerca sociale e scolastica con ricadute positive sull’integrazione. In tal senso AIRA è disponibile a collaborazioni con istituzioni sanitarie nazionali e internazionali e con industrie farmaceutiche affinchè i risultati possano essere resi disponibili in tempi brevi per gli operatori e le famiglie

Condividi questo articolo

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati

Commenti Facebook