Autismi & Autistici

Assegnate ai teppautistici dell'Aquila due case del terremoto

caseautistici

Le case che erano state costruite per i terremoti dell’ Aquila andranno agli autistici! E’ una grande vittoria finalmente si cominciano a destinare spazi vuoti e inutilizzati a progetti di vita per i nostri ragazzi. Gli autistici  avranno in dotazione per ora due appartamenti che erano stati destinati ospitare provvisoriamente i terremotati, dopo il sisma di 7 anni fa. 185 edifici, 7 milioni di euro di spesa e, come sempre, tante cose che non vanno: “case a molla”, le ribattezza qualcuno, per i problemi strutturali che presto vengono a galla. Oggi, comunque, quelle case “temporanee” si stanno per lo più svuotando, grazie alla ricostruzione che finalmente sta vedendo la luce. Dario Verzulli ha detto: “perchè non le date a noi? Sembrava impossibile ma ce l’ ha fatta. Domani la nostra troupe di #Tommyeglialtrifilm  passerà tra le macerie a registrare l’ evento della consegna!!!


FINALMENTE CI SIAMO! Da domani l’autismo avrà due appartamenti del Progetto CASE di Pagliare di Sassa La determinazione delle famiglie, l’attenzione della ASL e del Centro Regionale di Riferimento per l’Autismo (CRRA) e la cultura inclusiva della nostra città ha permesso la definitiva assegnazione di due appartamenti per l’autismo.

Guarda le planimetrie dei due appartamenti

CASE Pagliare di Sassa 1            CASE Pagliare di Sassa 

Grazie ad una delibera della Giunta Comunale e ad una della ASL di L’Aquila di recepimento finalmente domani avremo la consegna delle chiavi dei due appartamenti del progetto CASE di Pagliare di Sassa. Due appartamenti con doppie camere e doppi servizi che offriranno una base sperimentale per i nostri ragazzi. Verranno utilizzati dal CRRA e dal Centro a trattamento intensivo “La Casa di Michele” per attività rivolte all’inclusione sociale di ragazzi e adulti con autismo, anche con servizi a disposizione della comunità locale.

Prima vera esperienza di residenzialità con la disponibilità di strutture pubbliche gestite con un progetto condotto direttamente dalla ASL aquilana ci fa intravedere il futuro dei nostri figli con una luce diversa. Forse l’esodo verso strutture residenziali lontane e costose potrà diventare solo un ricordo. Forse l’esperienza aquilana potrà essere di riferimento per il nostro territorio ma anche per le regioni limitrofe.

Per questa occasione Gianluca Nicoletti con la sua troupe che gira il Paese per raccontare storie di vita quotidiana domani 18 maggio sarà a L’Aquila. Li accoglieremo in Piazza Duomo per le 16 e li accompagneremo con i nostri ragazzi e operatori in una passeggiata “inclusiva” fino al bar di San Bernardino. Nel tardo pomeriggio assisteremo al primo accesso ai due appartamenti segnando simbolicamente il primo passo verso una vita residenziale inclusiva e piena.

Un ringraziamento profondo va rivolto all’Assessore Emanuela Di Giambattista che ha da subito sostenuto le nostre proposte, al Dott. Vittorio Sconci, Capo Dipartimento della Salute Mentale e al Prof. Marco Valenti Direttore del CRRA. Senza di loro e senza il lavoro intenso e quotidiano di tante persone non avremmo potuto coltivare questa speranza.

Dario Verzulli  (Autismo Abruzzo onlus)

Condividi questo articolo

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati

Commenti Facebook