festa copyTommy compie 18 anni il 26 febbraio e a tutti gli effetti non sarà più considerato un autistico. Entra nel limbo dei fantasmi, di quelli che qualche psicanalista d’antàn chiama “i post autistici”. Mi sembrava di essere pronto…

AVEVO INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA

UN ANNO FA

C’è da mettersi le mani nei capelli: io per casa ho ancora a tutti gli effetti un bambino da sorvegliare come se avesse tre anni, anche se è alto due palmi più di me e pesa 90 chili. Al CAF poi mi hanno ricordato l’aspetto più ridicolo della questione: non è più autistico quindi dovrò nuovamente rifare tutta la trafila per la 104 che scade devo ricominciare a fare tutto daccapo.

          NE AVEVAMO GIA’ PARLATO

Prima che arrivi il 26 febbraio serve un certificato del medico di base che attesti che non è guarito dalle sue precedenti situazioni ovvero che e ancora autistico e soffre di epilessia. Questo servirà per l’ Inps al fine di assicurarsi che l’indennità di accompagnamento, che sarà automaticamente sospesa con l’entrata nel diciottesimo anno e per tutti i mesi a venire venga rimborsata quando Tommy riavrà nuovamente la 104, i cui benefici legati ai permessi sul lavoro saranno sospesi (ne usufruiva la madre). Spero davvero che non sia così, c’è da spararsi. L’ ottima Chiara Ludovisi è già al lavoro per scrivere un pezzo  a beneficio di tutti che possa chiarire il dubbio sul da farsi quando il #TeppAutistico diventa maggiorenne.

Io racconterò a tempo reale l’ iter che prima o poi toccherà affrontare a tutti voi gestori di minorenni. Nel frattempo vi comunico la mia prima mossa:

UNA GRANDE FESTA PER I 18 ANNI DI TOMMY

1l 26 febbraio a Roma

tommy-carta1-copia1

Vorrei davvero far venire tutti i #Teppautistici, ma anche gli amici neurotipici che sono tanti, i fratelli e sorelle...I genitori anche ma basta che non facciano facce tristi e le mamme si facciano belle. Vorrei farla in un posto veramente molto bello di Roma, vorrei musica adeguata e buffet che piaccia ai ragazzi. Vorrei che si balli si stia allegri, ma che pure si parli un po’ dei fatti nostri. Vorrei che fosse uno sberleffo a chi ci vuole mesti e rassegnati.

LA FESTA DI TOMMY E DEI SUOI AMICI SARA’ L’INCIPIT DEL FILM SULL’ AUTISMO 

CHE STIAMO GIRANDO

Trovo che la maniera migliore per iniziare la storia dell’ autismo in Italia sia la rappresentazione dell’ unica cura realmente efficace per l’ autismo che abbiamo al momento a disposizione.

DIVENTARE MAGGIORENNI

Altro che le staminali, le chelazioni, le diete disintossicanti, le tartarughe ninja, le terapie diadiche, i padri forclusi, le fancazzole di cui ne abbiamo piene le scatole tutti. Il messaggio sarà

ORA SONO MAGGIORENNE AUTISMO ADDIO!!!

Attendo adesioni, segnalazioni, suggerimenti. Devo trovare la location e non devo svenarmi…Devo trovare musicisti e allestitori. Farò presto l’ invito che metterò on line…Per me potete venire anche tutti, cercherò di capire se sarà possibile realizzare veramente questa follia…Vedrete che alla fine qualcosa ci inventeremo!!!

QUI L’ EVENTO FACEBOOK PER PREPARARE LA GRANDE FESTA DI TOMMY

prototeppa

Share this article

Giornalista (La Stampa Radio24), scrittore, nota voce della radio italiana. E’ padre di Tommy, il ragazzo autistico di 18 anni e protagonista di due suoi libri. Qui scrive, parla, risponde, racconta. E’ presidente della Onlus Insettopia.

Facebook Comments