Bambini, Scuola & Tempo

La bambina autistica dai capelli blu

Riprendiamo da THE POST INTERNAZIONALE un’interessante segnalazione sul progetto di un’artista lituana che mette al centro della sua produzione il possibile punto di vista di una bambina autistica. L’ autrice soffre di una sindrome neurologica che le impedisce di valutare le esatte dimensioni delle cose che la circondano. Proprio come Alice nel Paese delle Meraviglie, vede tutto gigantesco o piccolissimo. Invece che perdersi nella disperazione del suo differente sguardo sulla realtà lo ha trasformato in una fantastica occasione poetica. La sua bambina dai capelli blu è autistica, ma non sembra preoccupata di adeguarsi ai punti di vista altrui,  anzi è lei la figura più interessante e originale che spicca colorata tra il piattume incolore dei “normali” che la circondano indifferenti.

———————-

L’AUTISMO SPIEGATO CON I DISEGNI

Un’artista lituana mostra il mondo dal punto di vista di chi non può o non vuole conformarsi

Cosa si prova quando si è affetti da autismo? Come appare il resto del mondo? L’artista lituana Milda Bandzaitė ha provato a mostrarlo con i suoi disegni, che fanno parte del progetto “The Girl Who Didn’t Know How To Be” – la ragazza che non sapeva come sarebbe dovuta essere – che presto darà vita a un intero libro illustrato.

Protagonista degli schizzi è una bambina dai capelli blu che non si adegua al mondo che la circonda, ma anzi lo vive in una sua maniera tutta particolare.

Milda Bandzaitė come alias artistico usa la sigla Aiws, acronimo dell’inglese “Sindrome di Alice nel paese delle meraviglie”, ossia il disturbo neurologico che porta chi ne è affetto a vedere ciò che lo circonda più grande o più piccolo del dovuto. Con questo nome ci suggerisce di possedere una visione artistica fuori dal comune.

Forse è per questa ragione che la disegnatrice non ha difficoltà a riprodurre il mondo di chi è affetto dalla sindrome di Kanner, comunemente definita autismo, che non è altro che un differente disturbo neuro-psichiatrico.

I malati di autismo generalmente sono caratterizzati da comportamenti improntati a una difficile integrazione sociale e da una propensione netta al ritiro interiore.

Attraverso un video, Bandzaitė sottolinea sul suo blog come ogni anticonformista si possa rispecchiare nella bambina protagonista dei suoi schizzi: non serve essere autistici per sentirsi esclusi dal mondo.

UN LIBRO ILLUSTRATO SULLA NEURODIVERSITÀ
E LA LOTTA PER  SOPRAVVIVERE NEL MONDO NEUROTIPICO. 

Condividi questo articolo

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati

Commenti Facebook