Archivio, Scuola & Tempo

Cristina inizia venerdì il suo corso: Insettopia avrà un nuovo cittadino

urlatori

Insettopia esiste anche dove un autistico è circondato da persone competenti, così  Cristina è stata tenace e ha vinto. Sono passate poche ore da quando abbiamo raccolto l’appello dell’operatrice per l’ integrazione scolastica che voleva a tutti i costi fare un corso di formazione sugli autistici, persino disposta a  non pagare le bollette di casa per poterselo pagare. Lo abbiamo raccontato in  giro, abbiamo chiesto alle persone che sapevano, che capivano che potevano. Soprattutto alle persone che stimiamo capaci.

Senza entrare nello spicciolo particolare il risultato è che da venerdì Cristina potrà iniziare il suo corso di formazione senza dover per questo farsi tagliare luce e gas. Il prof Dario Ianes si è offerto di ospitarla nel corso Erickson sui comportamenti problema che Cristina riteneva utile per la sua formazione. Da venerdì comincerà a studiare e grazie a un po’ di buona volontà Cristina potrà occuparsi di bambini autistici con maggiore competenza e questo sarà un vantaggio per tutti noi. Redattore Sociale ha seguito in poche ore tutta la vicenda, intervistando Cristina e persone competenti delle problematiche che la sua richiesta aveva sollevato, come Giovanna Boda, direttore generale del MIBAC che segue nello specifico i problemi dell’integrazione e paladina della nuova proposta di legge che prevedi insegnanti di sostegno “specializzati”.

LEGGI IL REPORTAGE DI REDATTORE SOCIALE

Nel pomeriggio Cristina ha avuto conferma della sua iscrizione al corso e ci ha mandato un pensiero. Dovrebbe essere diffuso come un manifesto per dare forza a tutti i suoi colleghi che vorrebbero crescere e a quelli cui tutto sembra voler dimostrare che tanto non cambierà nulla…

Ho sempre pensato che pestare i piedi, imporsi o lamentarsi non portasse a nulla. Meglio testa bassa e sguardo dritto, obiettivi ben chiari e andare avanti.
Oggi, però, mi è successa una cosa strana: quello che in fondo era solo uno sfogo, una considerazione da condividere con chi sa di cosa stai parlando è diventato qualcosa di più. Qualcosa di bello.
La forza della mia voce, amplificata, mi ha investito dandomi ancora più entusiasmo.

Ho scoperto che la generosità, l’empatia e la voglia di cose “fatte bene” possono veramente portare al cambiamento.
Ringrazio chi mi ha letto, commentato, aiutato, chi ha speso parole di stima nei miei confronti, fidandosi senza nemmeno conoscermi.
Vorrei che la forza che mi ha investito oggi investisse le nostre scuole, le istituzioni, chi ha il potere di decidere dove dirottare le risorse economiche ed umane. Di disabilità, ed in particolare di autismo, si conosce ancora troppo poco, se ne parla poco…Si fa poco. Io continuo a fare il mio lavoro, da venerdì con un prezioso strumento in più.

Ai miei colleghi, e in generale a chi opera nella scuola, vorrei ricordare che tutti noi abbiamo una grande responsabilità ed il dovere di migliorare la qualità di vita di TUTTI i ragazzi che la frequentano, questa scuola in affanno. Nonostante i momenti di sconforto e difficoltà di tutti i tipi, quella di migliorare una vita resta la migliore delle opportunità che si possa avere. (Cristina)

cristina

 

LA STORIA DI CRISTINA

Condividi questo articolo

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati

Commenti Facebook