Archivio, Autismo nel mondo

Corde…

cuerdas1

Guardate se potete il video incorporato sotto a questo testo. Io non sono un cuore tenero, nemmeno un altruista per vocazione. Anzi di natura sono proprio quello che comunemente si ama definire con il colorito appellativo di “uno stronzo”. Penso però che  una delle tante possibilità che abbiamo per lasciare tracce concrete del nostro passaggio sia quella di contribuire a un futuro migliore, soprattutto per chi ha più difficoltà degli altri a vivere una vita decente.

Io penso che si possa essere disonesti, libertini, arruffapopoli, ma si possa egualmente avere un occhio per chi, rispetto a noi, arranca con più fatica. Non è buonismo il mio, è voglia di quella leggerezza che si prova quando si fa qualcosa che possa sembrare  stupefacente e folle per la maggior parte dell’umanità che ci circonda.

Se tutti i bambini fossero educati dai genitori e dagli insegnanti a questo, avremo in futuro molti meno problemi con i nostri figli speciali. Lo stesso atteggiamento può essere insegnato ai più piccoli per rapportarsi con qualsiasi altro coetaneo con dei problemi, non solo fisici, ma anche cognitivi e di relazione. Sarebbe tutto più facile se chi ha figli piccoli si sforzasse di non contribuire a creare una una nuova generazione di futuri indifferenti. Il problema è che sono proprio troppi gli adulti con la convinzione nascosta che in questa storiella Maria abbia sprecato il suo tempo.

Il corto animato “Cuerdas” ha vinto ha vinto il Goya Award 2014 nella categoria miglior cortometraggio di animazione spagnolo. E’ la storia di Maria, una bambina che vive in un orfanotrofio e che riesce a creare un legame molto speciale con un nuovo compagno di classe  disabile grave. Il cortometraggio di Pedro Solìs è ispirato alla storia vera di suo figlio Nicolàs. (vedi documentario)

Condividi questo articolo

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati

Commenti Facebook